ROMA 2020

Juno è un pianeta musicale in orbita su Roma

AudioVisualExperience

AVVISTAMENTI

31.10.19 ________________________________ Herodot, A-Bril, Bonza ________________________________ Atelier Montez
06.12.19 ________________________________ Sublee, Randaru, Bonza ________________________________ Atelier Montez
22.02.20 ________________________________ Cally, Bonza ________________________________ Atelier Montez

RITROVAMENTI

22.02.20

Listen on SoundCloud

IL PIANETA

“Juno” è un’esperienza audiovisiva completa all’interno di un mondo minimale in costante evoluzione. L’impiego dei visual a 360 gradi dell’artista londinese Constantin e la scelta di impianti di eccellente resa sonora sono le nostre armi segrete per realizzare una trasformazione radicale dello spazio. Le visual sono generate in tempo reale, tramite la gestione e la manipolazione in contemporanea su un numero di proiettori.

La principale sfida di Juno è quella di affermarsi come promoter di riferimento del soundminimal-microhouse; divenire catalizzatore sul territorio locale e nazionale per la realizzazione delle idee e le novità introdotte da questa corrente, che si sta affermando nelle capitali del clubbing europeo. Diventare un nuovo polo di attrazione su Roma per la “Y generation” di cui fa parte tutto il team e buona parte del nostro seguito. La dimensione del clubbing rappresenta per noi una provenienza, ma non necessariamente un punto di arrivo; la necessità di creare un mondo nuovo, per accogliere nella nostra città un “suono nuovo”, ci porta costantemente a confrontarci con la ricerca di spazi e collaborazioni, come quella con l’ art Factor Atelier Montez, un progetto di riqualificazione urbana che ci ha offerto uno spazio ideale per accogliere la nascita del nostro pianeta.

Al cuore del nostro progetto la collaborazione in esclusiva nazionale con il Visual Artist Constantin. Un impressionante portfolio come artista, dal 2019 impegnato in una residency mensile per il Fabric di Londra, l’ inizio di una promettente carriera, nonché la fine di una lunga gavetta tra le più importanti scuole d’arte del mondo ed i più nascosti circuiti underground d’Europa. Un percorso di sperimentazione infinito per consegnare, spettacolo dopo spettacolo, un visual show che alza sempre l’asticella di cosa si può creare attraverso la distorsione, la manipolazione, il disegno e l’allestimento.

GENESI

« Quando abbiamo deciso di avviare un nuovo party sapevamo solo che avremmo proposto musica microhouse associandola alle proiezioni del visual artist Constantin. Una volta trovato il nostro nome (ispirato a quello di un noto sintetizzatore degli anni 80), la sfida era quella di trovare un tema che ci aiutasse a centrare determinati obiettivi: l’adesione ad un movimento musicale underground, la valorizzazione dei contenuti video presenti alla serata, la promozione di un’ immagine riferibile allo stile di musica proposta, l’invito a prendersi il proprio tempo in serata, di rallentare per ascoltare, vedere e sentire. Di qui siamo approdati al tema onirico-planetario, con la volontà di creare una forma di “Mitologia di Juno”, rappresentata da una realtà sovrannaturale dove musica e luce sono corpi danzanti impegnati in un ballo a tre sulla tela di Juno e dei suoi visitatori. »

CONTATTI

Seguici su Juno, potrebbero esserci improvvisi avvistamenti

facebook

instagram

info@junomusicworld.com